Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Cenni storici intorno al rè dei musicali istrumenti l'organo e breve descrizione della sua struttura
Person:
Scoffiero, Celestino
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/image/lit39812/21/
21 
canne da sedici piedi si moltiplichi per quattro. Onde ottenere quella 
da trentadue piedi si moltiplichi per otto. 
Il calcolo poi del diametro venue ritrovato con esattezza dal Tedesco 
Toepfer colla proporzione di 1 alla V~&f per cui il mi della seconda 
ottava deve avéré la meta del diametro della canna più lnnga. 
Per trovare poi l’esatta circonferenza delle canne non si ha ehe mol- 
tiplicare il diametro per 8--14159. 
Yi è pure la regola per calcolare gli angoli delle canne, di legno 
quadrate, ma non essendo il caso d’insegnare a fahhricare organi, poichè 
non è nostro mestiere, crediamo cosa opportuna di dare qualche cenno 
sulla struttura semplicemente corne abbiamo promesso da principio. 
Perö chi avesse desiderio di conoscere Tesatta misura degli angoli 
non avrehhe ehe a procurarsi il trattato del suddetto Tedesco Toepfer 
dal quale ne resterebbe ben pago. 
Dobbiamo perd fare osservare una cosa importante al cortese lettore 
ehe le lunghezze cioè ehe devono aver le canne (corne sopra abbiamo 
dimostrato) non suppongono già la scala musicale dell’età nostra, ma la 
scala detta Pittagorica cioè provenante da una sérié di quinte. Inten- 
diamo dire ehe il mi di metri 1 - 025 non è buona terza di do, perche è 
crescente d' un comma; essendo stato preso come quinta di la (Y). 
Il la non è buona term di fa ma crescente anch'essa d'un comma; 
essendo stata presa come quinta di re. Il re quinta di sol. Il sol quinta 
di cio. 
E volendo accordare Porgano al eorista normale di Francia, ehe venue 
flssato per legge a 870 vibrazioni per minuto secondo, ne risulterebbe 
ehe il cio di otto piedi sarebbe un tantino più acuto, e la canna do- 
vrebbe essere un tantino più corta di metri 2-600 poichè dovrebbe dare 
non già 128 vibrazioni per minuto secondo, ma invece 180-5. 
I fabbricanti correggono accordando questi piccoli difetti. 
Pesta ora a parlare della tastiera dell’organo la di cui estensione è 
in ragione diretta colla grandezza delP istrumento ; ne daremo perciè 
qualche schizzo. 
Prima di parlare della tastiera fa d’uopo spiegare ehe cosa s’intenda 
per organo in sesta\ per organo in ottava distesa ossia cromatica. 
Per organo in sestet s’ intende quell’istrumento i di cui tasti corti 
del manuale, cominciando dal basso verso gli acuti nella prima ottava, 
invece di procedere per semituoni, procedono per ses ta. 
(1) Comma parola Greca ehe significa parte di cui il grado si compone. Quattro comme 
formano il semituono minore e cinque il maggiore; perciô questo termine si usa dai 
teoretici nella cornparazione degl’intervalii.
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.