Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Vite De' Pittori, Scultori Ed Architetti Genovesi
Person:
Soprani, Raffaello Ratti, Carlo Guiseppe
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1538879
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1542755
 355, _"2VIT"EÜ'-DE' P'ITT.-, 'SCULT.,  , 
   1a quale H conferva a11' Altar maggiore delPampia CluicfäL. 
 a quePto gloriofoaProtomartire dedicata: tavola , e gran parto 
 dcl pennello di Giulio Romano (a) . Lfaltro difegno ä prcfo 
1m ßm- dalla tavolarapprefentanre IaGlorioüHh-na Vcrgine AfTunta: 
 pyittura diGuido Reni, cheüa locata nella fplendjda Chiefg 
' di S. Ambrogio, o {ia del Gesü . (b)  
 Cominciöfpofcia il noihvo. Bifcaino a dipinger tavole, 
di fua invenzione; 6d alcune, chc compofc pfrr Iuoghi fuori 
di Genova, furon accolte con molto gradimexmto . Ma una 
fola di fua mano quä in pubblico efpoila {i vede. Ella E: 
quella, che {Ta ful primo Altare a mano Hnißra nella Chiefa 
del Santo Spirito de'PP. Somafchi fuor, della porta appel- 
lata dell' Erco. In detta tavola v' ha S. Färrando dinanzi a1 
Trono di Maria Vergine in atto d' implorarla in {occorfo 
d' alcuni poveri ftorpiati, che 1c addita . 
Di grancPonore fu a1 Bifcaino queüa pittura, si per 
1' ottimo "difegno, sä pel guProfo "colorito: ranro piü, che, 
quando ei 1a fecwe , appena avea compiuto il venticinquefimo 
anno della fua etä . Cerramente a ViPca di s": be1l' Operab, 
ognuno fperava, che farcbbeü da lui pareggiata 1a gloria 
da? noßri piü inGgni Pitrori. E piano efTetto avrcbbero avu- 
to le comuni fperanze . Ma poco dopo: cioä nelYanno 1657. 
percoHb infieme con 1a fua famiglia dal morbo peßilenziale, 
ebbe il cordoglio di vederfcla tutta premorire: e immdi a qual- 
che giorno feguilla. GrancVaumento alle noPcre perdite. 
 I]. Bifcaixmo in anche un ottimo Intagliatore in rame , ed 
incifc a11' acquaforte alcune cofe, chc 10 Pcile Caüiglionefco 
molto 
(a) DeIIa fopraddqtta nobilißima tavola fa onorata menzione Ginrgia Vafari 
nelia Vita di Glulio Romano: e dice non aver mai quePra Artcfice fatta. 
Opcra migliore . Narra 111 gltre, che quella tavola fu ordinara a Giulio Ro- 
mano da Gio. Matteo Gibern , Datario di Papa Leone X. , per mandarla a Ge- 
nova ad un fuo Benefizio intitolato Santo Stefano; il qual Benefizio con 1a 
medeüma tavola effo Giberti donö poi a'Monaci Ulivetani, che rurrora i! 
pomedono" . Ma , che üa ita 1a cofa divcrfannenre , 1' accenna 1' Arma De' Me- 
dici collocata nella parre fu eriore della tavola col T riregno. e le Chiavi, 
e 1a feguente Infcrizinne. EEONIS X. P. M. FRATRISQ, IVLII CARD. 
MEPICES BENEFICIO TEMPLO PRAEF.  
(b) D1 queifü altra. preziofa tavola rapPrefentante 1a Santifüma Vergine AiTuntq 
in Cielo 111 megzo ad Angelici Con , con gli Apofioli a1 baffo in vivifiiml 
atreggiamenn d: contemplazione, ed ammirazione, leggaü quanto ne fcrivß. 
nella vita. di Guido il Conte Malvagia, che meritamente tiene queßa m? 
deüma tavola per zma delle migliori di quel chiariüimo Maeüro.
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.