Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Rafael Von Urbino Und Sein Vater Giovanni Santi
Person:
Passavant, Johann David
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1507921
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1513082
maculata fede verso el suo Signore", 1a quale non solamente se 
deve mostrare cum le forze del corpo, ma etiam dio cum 1e 
parole et cum 1a voluntä. Et perche io so ch' 1e assai divul- 
gata sententia, che ben ch'bel1a cosa sia operare per 1a Re- 
publica et per e1 suo Signore, etiam D10 e1 ben dire non e 
turpe, ne vile: Cumciosiache in pace et in guerra Phuomo 
puote diventare fallloSo. Dunque io luentre che quello eterno 
splendore e gloria della nostra etade excellentissimo et famo- 
sissimo tuo patre visse, vedendo e sentendo e1 tuono inexti- 
rnabile della sua chiara fama, 1a quale non solamente fu et ä 
conosciuta dalle italliche regione, ma se licito ä el dire, che 
della (di lä) dal monte Caucaso 1a sia. discorsa. io del dire 
Pardisco et oltra di questo vedendo ehe quella era abundan- 
tissima materia ali famosissimi scriptori: lstorici et Poeti: et 
che a nissuno parea potcre_ assumere piü alto subjecto ne1 suo 
comporre: a cio chel divorabil tempo non rodesse Paltissimo 
splendore delle sue innulnerabile virtü: et ch' adessi Composi- 
tori G0 0 Reciptatori fusse per si ampla et excellente materia, 
oltra delloro doctrina eterna laude: si como quella dello An- 
tiste Campano: Frahcesco Philelpho, Porcelio et molti altri: et 
nuovamente 1i dottissimi et famosissimi homini Christofaro Lan- 
dino et Sigismondo deli Conti da fulignio, li qnali tucti cum 
loro clarissimo stilo aifatigati aprcsso degP uomini docti 1as- 
Sano eterna laude de11e sue innumerabile virtü. Delle quale 
cose io si comqdevotissimo, pigliandone mirabile conforto: da 
quello in uuo momento mi nacque alcun dolore nel core: di- 
cendo: Et perche apresso de11i indocti et vulgari non debba 
auco de si sublilne altera fama ritrovarsi? or volgendo per 
Pansia mente el nuovo pensiero, a1 tucto deliberai cum questo 
non molto consueto stile di terza rima in Istoria volendo li 
gloriosi gesti del tuo prenominato patre cantare: Et in questo 
potente desio cum ardentissimo fervore aceso: si etiam Dio per 
lassare testimonio d'uua. sincera e fedele servitü possa ch' a1- 
quanto questo nuovo appettito comincio a dare luoco ala ra- 
gione, gli ochi a me stesso rivolti quando ch' dime me ver- 
gognai, pensando cum si frivolecto vasculo volere attengere 
Pacqua nel c1arissim0 e surgente fonte: como sono Ie excelse 
lode de tanti triumphi e paternal tue glorie. Dove tagliando 
io el capo a questo froppo alto desio, piü teste a quello ri- 
nascevano, che nel Lernea Palude alla venenosa Idra, contra 
la quale non havendo 1a maza de Hercule, vinto detti princi- 
pio a quello, che non che a me, ma a qualunque excellen- 
tissimo e divino ingegno sarebbe di troppo peso. Pur cum
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.