Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1447075
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1447891
99 
X 
X 
che niuna 1a innalzasse a si alto grado di perfezione 
quanto essi . Quegfingegni 1a coltivavano con altre 
ragioni , e con altro stile che i Moderni , quantun- 
que 1' imitazione della Natura sia stato sempre il fine 
principale di tutti. Gli Antichi facevano si gran con- 
to della Bellezza , che soltanto il bello della Natura 
sembrava loro degno d'essere imitato; cosicche si 
puö assicurare, clfeglino sono stati quelli, che for- 
marono, e mantennero lo srile della Bellezza. La 
grande attenzione , che mettevano i löro maggiori 
Artisti nella perfezione di questa parte , li riteneva 
cial pensare a quelle grandi Composizioni, di cui si 
pavoneggiano gli Autori moderni. Infatti i piü cele- 
brati Quadri di Polignoto, di Zeusi, di Parrasio, di 
Apelle, erano di poche ügure. Le loro invenzioni, 
benche ingegnose, gen erano abbondanti di oggetti; 
e da quelle, che ci restano, possiamo congetturare, 
che le loro Composizioni piü copiose spiccavano piü 
nelPeccellenza particolare d'ogni figura , che nelF 
unitä del tutto. Un, altra ragione ancora si puö ad- 
durre, per cui gli antichi Pittori non amassero Qua- 
dri picni di figure; ed e, che un oggetto bello , e 
perfetto richiede uno spazio sufiiciente per essere nel- 
1a sua vera comparsa, essendo certo, che imblti og- 
gettiindeboliscono il godimento della perfezione de! 
principale. 
Quandß i Pittori Greci-si avanzarono tanto nella 
loro Arte da meritare 1' attenzione de' Filosbfi , Si 
D 4. PYO-
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.