Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1447075
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1449613
914 
227 
X 
che a lui non e stato insegnato da veruno, e soprat- 
tutto non deve temer mai d'insegnar troppo ; e se 
per disgrazia egli ha questa infermita io 10 consiglie- 
rei a non far da Maestro, perche non e da galan- 
tuomo il fare degfinfelici ; ne io veggo infelicitä 
maggiore per un uomo, quanto 1' aver perduta 1a sua 
gioventü per farsi un cattivo Pittore: e siccome ciö 
dipende dal Maestro, egli puö evitar facilmente que- 
sto male, poiche niuno ha precisa obbligazione di 
prendere Discepoli.  
Ex vero, che il Mondo e pieno d'ingrati, e che 
un abil Pittore col dare una buona educazione al suo 
Discepolo corre rischio d'alimentarsi una serpe in 
seno; ma i vizj altrui non iscusano i nostri , nä si 
poträ mai idiscolpare quel Pittore, che educando uh 
Giovane lo mette in istato di pentirsi per tutta 1a. 
sua vita dfaver intrapresa questa Professione. Scusa- 
bili non ostante sono sempre qlxcäProfessori, che per 
protezione, e senza interesse si veggono costretti di 
ricever Discepoli, se non gli ammaestratlo con quel- 
la cura, ed applicazione, che si richiede ; poiche ä 
certo, che costa piü tempo, e piü pena far un buon 
Allievo, che il maggior Quadro de! Mondo. Perciö 
mi sembra una grande ingiustizia de, Protettori il 
pretendere , che un Artista perda il .suo tempo ad 
insegnar 1' Arte a persone, che non gli recano alcun 
utile, ne alcun interesse a farlo. Questairragionevol 
pratiea regna generalmente in Italia, la quale va 961'- 
P , ciö
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.