Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1447075
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1449518
916 
X 
217 
916 
Accademia 11a da essere anche Scuola, far 11116110 5 
ehe si pratica nelle Scuole delV altre Facoltä ; cioä 
impiegare nello studio le migliori ore del di colP as- 
Sistenza de" Professori d' inferior grado, i quali des- 
sero conto ai Superiori de' progressi, e del modo d' 
insegnare : questo esercizio sarebbe in oltre molto 
utilc a loro stessi; e i principali Maestri dovrebbero 
rivedere gli studj de' Giovani, per cambiarli di elas- 
se secondo i loro progressi . 
L" esercizio della notte dovrebbe servir solamente 
per coloro , che essendo giä avanzati nella teoria 
dell" Arte han bisogno d' aumentar 1a pratica col 
frequente uso; poiche altrimenti colla sollecitudine, 
con cui si ha da operar di notte, si assuefanno i 
Principianti ad una scorrezione , 1a quale degenera 
in viziosa negligenza , non essendovi tempo d' osser- 
vare bene le regole, e le ragioni dell" Arte; e quel- 
li, ehe incominciano a copiar principj, nemmeno 
hanno tempo sufHciente da vedere il frutto della lo- 
ro applicazione : onde "molti si disanimano , e ab- 
bandonano lo studio incominciato. Insomma quan- 
do 1' Accademia abbia da esser Scuola e necessario 
Praticarvi tutto quello , che un vigilante, e buon 
Maestro deve fare privatalnente co' suoi Discepoli; 
altrimenti non sarä mai Scuola utile. 
Se non si fissano le leggi , e le massime delle 
Pübbliche l-elioni in moclo, che la Gioventü ap- 
prenda come se studiasse sotto un solo Maestro, si 
C0114
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.