Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1447075
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1447447
äk 
I0 
X 
csporli intelligibilmente; onde passo a baciarle umil- 
mente le mani, e sono D. V. E. ' 
1. Sarebbe una disgrazia se 1' eccellenza delleArti 
dipendesse clalla libertä incompatibile coi tempi no- 
Stri: onde questo pensiero scoraggirebbe ed i Princi- 
pi nel proteggerle, e gli Arteüci nelfesercitarle. 
2.. Parmi, ehe i Pittori, e gli Scultori della pri- 
ma Epoca non abbiano cercata la grazia, ma sola- 
mente Pimitazione del vero, e successivamente il 
Bcllo, il quale giä esclude ogniasprezza ; e per quan- 
to si puö conosccre dalle poche Pitture antiche, che 
ci restano, il loro Stile era piü soave, i'l Chiaroscu- 
ro piü dolce, ed i Contorni piü semplici, ed intreß. 
ciati che nella Pittura moderna, siccome piü elegan- 
ti, e grandiosi insieme erano nella Scultura . 
3. Non arrivo a comprendere come mai 1a grazia 
possa chiamarsi austera, essendo duclqualitä diretta- 
mente opposte.  
4.. Credonche Prassitele, ed Apelle non mutasse- 
ro tanto le forme, quanto il modo, esprimendo sot- 
to modo piü facile le forme della Bellezza. 
5. Che nelFArte sia. piü di una grazia io non 
comprendo. I Disegni di Raflaello5 di Lionardo, e 
del Sarto meritano il nome di belli , come anche 
quelli di Guido, e de1l' Albano: quelli delCorreggio 
sono graziosi , quelli del Parmigianino sono smorfio- 
si, e manierafi. 
6. I1 tagliente de' sopraccigli non ä distintivo de' 
 tem-
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.