Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1447075
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1448612
X 
x27 
X 
stornare tutte le idee dell' Arte in Italia, disprezzan- 
do il serio studio, che fin al sno tempo era stato il 
fondamento della Pittura, riducendo tutto a compo- 
sizione, e a sedurre 1a Vista? Nello stesso tempo si 
vide in Romzr un Andrea Sacchi, Pittore dello stes- 
so gusto, e della medesima facilitä di Cortona , in- 
segnando a lasciar 1c Pitture come so1tantoindicate,. 
e prendendo le idee delle cose naturali senza dar 10- 
ro alcuna determinazione. 
Le Scuole di Firenze, e di Roma cambiarono al- 
lora carhmino. Quelle di Bologna , e di Lombardia 
si andarono estinguendo insensibilmente; poichä all' 
Albano successero Ciguani, e Ventura Lamberti , e 
a costoro Franceschino, Giuseppe del Sole, e il ca- 
priccioso Crespi, che si puö dire 1' ultimo. In Vene- 
zia dopo i valentuomini Giorgione , Tiziano, Paolo, 
e Tintoretto decadde in un tratto la Pittura, perchä 
i successori non si curarono che della facilitä , sen- 
za badare a1 fondamento, e alla eccellenza di quelli; 
e ciö, che ordinariamente si chiama Gusto ä rima- 
sto per unico oggetto di quella Scuola. 
Roma fu un poco piü felice, perchä ad Andrea 
Sacchi successe Carlo Maratta suo Discepolo, il qua- 
le Si applicö molto a disegnar le Opere di RaiTaello 
del Vaticano, e prese percio {in dalla sua giovcntü 
amore allo studio serio, ed esatto ; ma il gusto ge- 
nßralß de! S110 tempo non gli permise cli seguire in- 
teramßllte il Cafßüßre Rallaellesco, e Yoccasione di 
dipin-
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.