Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1447075
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1448414
X 
x07 
X 
916 
stumi, e percib merirö tanto applauso in si florido 
tempo della Grecia . Parrasio fu abbondantissimo, e 
possede tutte le parti della Pittura, come Zeusi , e 
altri di quel tempo. Protogene fu anche piü abile , 
e piü ünito; e allora venne Apelle, il quale avendo 
trovato il cammino aperto, e vivendo nel secolo di 
Alessandro Magno, nel di cui tempo 1a Natura sem- 
bra, che facesse Pultimo sforzo per produrre, e su-' 
scitare i maggiori talenti, aHine di sostener 1a glo- 
ria, e la liwberta della Patria, aggiunse all" Arte della 
Pittura 1' ultima perfezione, cioe 1a Grazia, 1a quale 
nasce dalla sicurezza, che da 1a Scienza per oprare, 
e produce facilita nello stesso operare , nel pensarne, 
e nel farsi intendere . Era cosi sicuro Apelle di pos- 
sedere questa prerogativa, che loclando le quarlita de- 
gli altri Pittori diceva, che egli li superava solamen- 
te nella Grazia; e riprese Protogene perche non sa- 
peva staccarsi le Opere dalle mani. Da ciö si cledu- 
ce, che FArte pervenne allora al suo ultimo grado: 
ma siccome per questo stesso non poteva andare piü 
in su, ne mantenersi in quello stato , s'incomincia- 
rono ad aumentar le Opere in quantita, e in gran- 
dezza, dividendosi in varie classi, eome per esempio 
in assunri bassi, o bambocciate , in varietä di cose 
stravaganti, caricature, e in altre spezie ridicole, con 
Che P33 141 Pittura la stessa sorte della Scultura, fm- 
che il lusso Romano 1a degradö dalla nobiltä , con 
cui era stata trattata in Grecia , facenclo dipingere 
, (üftü
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.