Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1442726
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1446368
203 
sedevano qualche parte della perfezione, egli posse- 
deva Funivne di tutte. lo ho detto questo per ispie- 
gar meglio la mia proposizione , poiche io credo , 
che quando gli Scultori videro 1' eleganza, e la gra- 
zia dell" Opere di Apelle , e cle' suoi contemporanei 
aprissqo gli occhi, e introducessero nella loro Arte 
quel? ammirabile Gusto , con cui poscia operarono 
tanti prodigi. La stessa Pittura acquisto allora piu 
Yiputazione , poiche vediamo Filippo padre di Ales- 
sandro fare una Legge in considerazione di Panfilo, 
ordinando , che non si potesse insegnar la Pittura 
che a persone libere, che in quel tempo significava 
Nobili. Vennero con "cib i Pittori ad essere piu sti; 
mati; e le grandi fortune, che acqnistavano , som- 
ministravano loro comodita per perfezionare si bella 
Professione, la quale fino allora era assai rara, e la 
Scultura molto piu comune.  
Fino al tempo d'Alessandro andarono sempre cre- 
scendo le Arti, e dopo niente piu si perfezionarono, 
benche si estendessero assaissimo dippiu. Quel seco- 
lo fu consimile a quello di Raffaello , nel quale si 
videro di repente le pih belle produzioni, che ne 
Prima, ne dopo il rinascimento delle Arti si sono 
Pifl Vedute; e ancorche dopo siasi trovata la manie- 
ra di far meglio qualche parte, non fa stato alcu-l 
no, che nel tutto abbia uguagliato i grandi uomini 
"di quel tempo. 
Dal secolo di Alessandro fino alla ruina, dell'Arte 
colP
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.