Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1442726
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1446090
176 
munemente; che Correggio jnon fosse stato mai a 
Roma; ma altri sostengono di si, e pretendono di 
pih, che da una Pittura , ch'era nell' antica Chiesa 
de" Santi Apostoli in Roma , egli prendesse l, idea 
per dipingere la Cupola di Parma . La verita si e, 
che di queste cose non si sa niente di certo; e lo 
stesso pub dirsi di altre mille storiette , che si mg. 
rano di lui, tutte piene di contraddizioni.  
In quanto al suo gusto io torno a dire , che era 
secchissimo , e meschino non ostante ch'ei prendes- 
se le sue Egure dal naturale. Ma subito apri gli oc- 
chi, e vide, che non bastava imitar la Natura in 
tutto, ma che era necessario scegliere il buono dal 
cattivo , aliinche 1' imitazione riuscisse gradevole . 
Cosi si accorse , che la sua Pittura non avea forza 
sufiiciente da imitare la Natura in tutta la sua 
estensione, e che bisognava imitar non la Natura, 
ma il suo eiietto. Per questa riHessione cambio il 
suo gusto in un altro pih soave ; e considerando, 
che la sola. rotonditit delle parti non costituisce la 
vera imitazione, e che bisognava interrompere que- 
sta rotondirb. col variare le forme, scopri un nuovo 
gusto di Disegno affatto ignoto prima di lui. Inco. 
mincib dunque a praticare quelfondeggiamento, che 
di tanta eleganza allo Pittura. Lo ajutarono a que- 
sta pratica i contorni degli oggetti del suo proprio 
paese , perche le persone di Lombardia sono come 
le figure, ch'ei dipingeva. Si andb sempre perfezio- 
napdo
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.