Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1442726
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1445859
914 
152 
panni, che di lor natura doveano esser di color puh 
ro; cioe egli avrebbe fatto un vestito azzurro, come 
infatti lo fece ne1l' Apostolo, che sta a sedere nel 
davanti della Trasiigurazione , che ha lumi tutti 
bianchi; iLche non e possibile stante le ombre, e 
le mezze-tinte sl forti, com'ei lo fece. E questo e 
quel che io chiamo innalzare i colori fin pressg a1 
bianco ne' lumi, e abbassarli fino a toccare il nero 
nelle ombre . La stessa regolaosservava negli oscu- 
ri , incominciando a porne la maggior forza al cla- 
_ vanti, e degradandoli fino ad incontrarsi con i chia- 
ri. Questo metodo era molto di suo gusto , perche 
da piu rilievo, e porta gli oggetti innanzi piu che 
per qualunque altra pratica , poiche le parti, che 
stanno davanti, sono le piu forti; ma questo e con- 
tro la proprieta , e 1' effettiva verita della Natura, 
perche un panno bianco non pub mai farsi cosl oscu- 
ro, come lo ha fatto Raffaello, il quale per seguire 
questa pratica ha dovuto trascurare quella de' rifles- 
Si, i quali contribuiscono tanto alla chiarezza, e al- 
la grazia.   
 La surriferita pratica di Raffaello e meno impro- 
pria in un Quadro piccolo , che in uno grande, per. 
che in quello pub essere poca 1a varieta del Chiaro- 
scuro , dovendo esser piccole le masse per fare ava". 
zare, o allontanare i piani, e le figure ; e per que- 
sta medesima ragione egli si vide costretto ad usar 
poca degradazione , perche se ne avesse impiegata 
mel-
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.