Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1442726
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1445371
916 
gare adesso  come" succede all" Uomo, e alla Don. 
na , allora la Bellezza, oltre l'effetto generale so- 
praddetto, fa strabiliare laanima dalla gioja, esce co- 
me fuori di se stessa, e produce quell" agitazione, 
quel trasporto, quella follia, e quelfemgiasmo, che 
si chiama amore.  
La vista di questa medesima Bellezza in Pittura 
fa un'impressione pih moderata , perche non va ac. 
compagnata da alcuna delle suddette qualith ; onde 
commuove i sensi dolcemente , ed occupa l, intellet- 
to, senza cagionargli alcuna perturbazione. 
VII. 
Di 
quali cose abbisogna il Pittore per 
iscegliere la Bellezza . 
LA cosa pih necessaria ad un Pittore e 1' esser do- 
tato di una fibra ben delicata , di un cuore molto 
sensibile, e di una ragione ben bene spregiudicata; 
perche senza il iprimo il bello non gli fari impreg. 
sione ; senza il secondo non se ne invaghirii; e man. 
candogli il terzo prender). una cosa per un'altra. 
Chi cerca di far comprensibile la Bellezza ha da co. 
minciare dal comprenderla bene, e dal sentirla egli 
stesso il primo. l 
Gifi Fho detto , ne mi stancherb mai dal replicar- 
lo, che niuna imitazione , come semplice imitazio. 
 ne ,
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.