Bauhaus-Universität Weimar

Titel:
Opere Di Antonio Raffaello Mengs
Person:
Mengs, Antonio Raffaello Azara, Giuseppe Niccola/d'
Persistente ID:
urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1442726
PURL:
https://digitalesammlungen.uni-weimar.de/viewer/resolver?urn=urn:nbn:de:gbv:wim2-g-1445215
S8 
to ho appreso nelle sue conversazioni in tanti anni 
di amicizia, e della piix intima intrinsichezza; onde 
protesto ingenuamente, che quanto v' e di buono in 
questi Discorsi e tutto di MENGS 5 il CHtEiVO SRI"?! 
sicuramente mio. 
Delle 
varia 
Opinioni 
sopra 
la 
Bellezza . 
INFINITI hanno scritto "su 1a Bellezza , e ancora 
credo, che siamo ben lontani dal sapete , che cosa 
ella sia. Platone, che ne parla bastantemente, la 
spiega poco; e il suo Dialogo Hippias destinato a 
spiegarla , pare piuttostoafatto per provare che cosa 
non e la Bellezza . In altri luoghi inclinapa dare una 
esistenza reale a questa qualita, come da ordinaria- 
mente a tutte le sue idee. Le Grazie , le Muse, e 
tutto il Correggio della Poesia Greca hanno le stesse 
origini, e Pistessa esistenza. EX anco pitI ingegnoso 
il sistema del medesimo Platone , accennato da 
IViENcs ; eioe  che le nostre anime abbiano avuto 
il loro essere prima di unirsi a' corpi, e che allora 
abbiano saputo tutte le cose : che la materia, abbia 
assopita questa scienza; e che quando s'impara non 
si faccia altro che ricordarsi di quello , che gia si 
sapeva nel primiero stato: e Siccome allora si cono. 
sceva la Bellezza positiva , ora la si riconosce quan- 
do
        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.